GLOSSARIO DI UNA WEDDING PLANNER

GLOSSARIO DI UNA WEDDING PLANNER

GLOSSARIO DI UNA WEDDING PLANNER

 

Come barcamenarsi tra la nuova terminologia e i tecnicismi usati dalle wedding planner:

 

MUA:

 

Make Up  Artist, cioè l’esperto di make up, ovvero il truccatore o la truccatrice professionista. Attenzione: truccatrice è diverso da estetista.

 

ANNUNCIO E PARTECIPAZIONE:

 

qual è la differenza? Lasciamo che l’etimologia e il senso della parola vengano in nostro soccorso quando abbiamo dei dubbi. Con l’annuncio vogliamo semplicemente annunciare a talune persone il nostro matrimonio. Quindi ‘Mario e Giovanna annunciano il loro matrimonio – Chiesa XXX – ore 18’. Questo significa che, per rispetto, comunichiamo loro le nostre prossime nozze ma senza invitarli anche al banchetto nuziale. Con la partecipazione, invece, oltre all’annuncio ci sarà anche l’invito al ristorante; in altre parole, è nostro piacere invitarli a partecipare anche alla festa che seguirà la celebrazione del rito. Quindi: ‘Mario e Giovanna dopo la cerimonia festeggeranno presso il ristorante XXX’

 

RSVP:

 

E’ l’acronimo di  “Répondez s’il vous plait”, cioè si prega dare gentile conferma. E’ sempre buona cosa rinfrescare la memoria

 

WEDDING STATIONERY:

 

Ci si riferisce al coordinato di stampa attinente al vostro matrimonio, quindi partecipazioni, libretto messa, cartoncini tableau o escort cards, tag, cartoncino segnaposto, segnatavolo, menu, biglietti di ringraziamento. Ricordate che per un bel risultato finale bisogna creare un’unica immagine coordinata che seguirà stile e colori dell’evento.

 

WEDDING BAG:

 

Letteralmente ‘busta di matrimonio’ ma ci riferisce ad un contenitore (preferibilmente personalizzato!!) come scatola o busta di carta o altro che possa contenere piccoli cadeaux da dare agli ospiti. Il contenuto delle bag può variare a seconda di diversi fattori quali le scelte personali degli sposi, la stagione del matrimonio, il momento in cui sarà distribuita, lo stile del matrimonio.

 

WEDDING PLANNER E WEDDING DESIGNER:

 

Giusto una breve rinfrescata, solo per ricordare che il wedding planner si occupa della gestione di tutti gli aspetti puramente organizzativi del matrimonio (coordinamento fornitori, scaletta e tempistiche, transfer e accomodation degli ospiti e così via) mentre il wedding designer si occupa della parte legata al design e alla progettualità dell’evento. Non necessariamente le due figure coincidono ma è fortemente auspicabile che una stessa persona si occupi di entrambi gli aspetti per avere il pieno controllo e una visione unitaria dell’evento.

 

MATRIMONIO UNPLUGGED:

 

E’ un matrimonio in cui è vietato l’uso di smartphone, tablet e altra tecnologia.

 

BOUTONNIERE:

 

E’ il termine francese che sta ad indicare il fiore all’occhiello che lo sposo e i parenti maschili più prossimi, oltre che i testimoni, indosseranno sul bavero della giacca.

 

WEDDING FLOWER BAR:

 

Il flower bar è l’ultimissima tendenza. Consiste nel predisporre in maniera carina e scenografica dei fiori che ciascun invitato sarà libero di prendere e portar via.

 

ESCORT CARDS:

 

Cioè carte di accompagnamento. Sono dei piccoli cartoncini (la cui forma e tipologia seguiranno il tema e il mood dell’evento) sui quali è riportato il nome dell’invitato e il relativo posto a tavola. Può accompagnarsi al tableau oppure sostituirsi ad esso.

 

GUEST BOOK:

 

Letteralmente “libro degli ospiti”. Contiene frasi di augurio e pensieri che gli ospiti lasciano agli sposi. Anche il guest book deve seguire l’immagine coordinata e comunque deve rispecchiare lo stile e gli altri elementi utilizzati nel matrimonio. Non deve assumere necessariamente la forma del libro.

 

Patrizia Monti Wedding Panner

COME FAR FELICI I TUOI OSPITI: 6 ASPETTI DA VALUTARE

COME FAR FELICI I TUOI OSPITI: 6 ASPETTI DA VALUTARE

COME FAR FELICI I TUOI OSPITI: 6 ASPETTI DA VALUTARE

 

1. DISTANZE

 

Hai sempre sognato quella piccola chiesetta del XII sec, con un panorama mozzafiato che domina il mare, oppure l’eremo dei tuoi sogni che domina la montagna, in mezzo alla natura incontaminata, raggiungibile dopo un ultimo tratto da fare esclusivamente a piedi,  e che sei sicura che lascerà tutti a bocca aperta.. (ignorando amabilmente che le donne con i tacchi e le persone anziane ti odieranno per questo, tanto più se il tempo non sarà clemente!). Oppure hai scelto la chiesa a cui sei legata da sempre, ma non vuoi rinunciare alla location dei tuoi sogni, che si trova a picco sul mare….peccato che sia distante circa un’ora dalla chiesa!! Ecco, è con estrema certezza che ti dico che questa cosa NON farà affatto felici i tuoi ospiti. Il mio consiglio è di valutare bene i tempi necessari per gli spostamenti che non dovrebbero superare mai i trenta minuti!

 

2. TEMPERATURE PROIBITIVE

 

Tu ami il caldo e hai deciso di sposarti al’aperto, a pranzo, nel mese di agosto, con ombrelloni sistemati in modo tale da fare ombra sui tavoli del pranzo (nel caso in cui ti fosse sfuggito, la terra gira e l’ombra si sposterà inesorabilmente, quindi dovresti prevedere anche un continuo riallineamento dei tavoli!!).. e magari ti aspetti anche che tutti parteciperanno attivamente alle danze e che gli uomini mantengano un contegno senza togliere la giacca!!…Hai invitato solo persone che detesti?

 

3. GIORNI PARTICOLARI:

 

Cerca di evitare giorni particolari come ferragosto, oppure date che si prestano a ponti e a gite fuori porta. Inoltre, cerca di informarti e capire se nella data che avevi in mente sono previste importanti finali di calcio o eventi equipollenti

 

4.ORARI

 

Non è mai superfluo ricordare di non stabilire l’orario della cerimonia nel primo pomeriggio, soprattutto in estate. Ti ricordo che ci sono tempi tecnici di preparazione, soprattutto per la sposa, oltre alla tempistica necessaria per lo spostamento in chiesa. E ti ricordo anche che la maggior parte delle chiese non è dotata di aria condizionata. Evitiamo, quindi, inutili torture per tutti!    Stesso discorso anche per le cerimonie invernali: cerchiamo di scongiurare la celebrazione nel primissimo pomeriggio. Ma se proprio non possiamo evitarlo, dobbiamo necessariamente prevedere una piccola tappa intermedia per non arrivare presso la location del ricevimento a metà pomeriggio!

 

5.LUNGHE ATTESE

 

Sfido chiunque a dirmi che ama i tempi biblici tra le diverse portate… Questo non significa fare una corsa a l’ abbuffata ma piuttosto lasciare gli ospiti liberi di dedicarsi alle danze o al dopo cena in piena libertà, non costretti ad affrontare “la corazzata Potionkin” del servizio infinito. Quindi concordate bene con il maitre e con i musicisti i tempi di pausa tra le diverse portate.

 

6. SPAZI

 

Nella scelta della location vi prego di valutare bene gli spazi: se la struttura vi dice che la capienza massima è di 200 persone sedute a tavola e voi avete 198 ospiti, sappiate che gli spazi saranno molto molto limitati. Valutate la necessità di lasciare una zona per le danze, una per la band che suonerà dal vivo ed escludete necessariamente il buffet. Inoltre, i camerieri riusciranno nel servizio senza stressare gli inviati che volessero alzarsi?

 

Patrizia Monti Wedding Planner

PERCHE’ SPOSARSI IN ABRUZZO

PERCHE’ SPOSARSI IN ABRUZZO

PERCHE’ SPOSARSI IN ABRUZZO

Sono sempre più numerose le coppie di sposi stranieri che decidono di sposarsi in Abruzzo: alcune vi fanno ritorno dopo essersi trasferite all’estero, altre vi sono state in vacanza e si sono innamorate degli scenari che questa regione dalle mille sfaccettature è in grado di offrire.

Perché?

L’Abruzzo è meta ideale del destination wedding per i molteplici paesaggi da favola che fanno da cornice agli sposi e per tutte le esperienze autentiche che regala ai loro ospiti.

Ricca di storia, per i matrimoni religiosi vi sono abbazie benedettine del 1007, monasteri del 1200 che dominano il mare, piccole chiese romaniche, eremi e cattedrali disseminate in tutto il territorio, dalle montagne ai piccoli borghi.

Per gli amanti del mare, l’Abruzzo offre diversi spunti: si passa dalle lunghe coste sabbiose, dove è possibile celebrare nozze con riti simbolici o civili, a tratti di coste rocciose che richiamano le scogliere irlandesi.

Molto famosa e suggestiva è la Costa dei Trabocchi, con le sue palafitte immerse nelle verdi e trasparenti acque.

E subito dopo la celebrazione, ci si può spostare a festeggiare in una delle diverse strutture a picco sul mare.

In alternativa, si può scegliere il paesaggio rupestre e decidere di festeggiare sotto i filari di vigne di uno dei tanti vigneti di cui la regione è ricca, approfittando anche della degustazione di vini pregiati e sempre più apprezzati di questa regione.

Ma anche la montagna, con la Majella e il Gran Sasso, da cui si vede il Mare, offre scorci e paesaggi incantevoli, con castelli e piccoli borghi sapientemente ristrutturati mantenendone immutato il carattere storico e rurale che li caratterizzano.

L’Abruzzo è una terra ricca di tradizioni, in cui all’arte culinaria, tramandata viva e indipendente, si aggiunge la grande cordialità delle persone.

Il connubio perfetto, quindi, tra natura, storia, tradizioni, buon cibo e cordialità per rendere perfette le vostre nozze!

Patrizia Monti Wedding Planner

8 ERRORI PIU’ COMUNI NEL MATRIMONIO FAI DA TE

8 ERRORI PIU’ COMUNI NEL MATRIMONIO FAI DA TE

8 ERRORI PIU’ COMUNI NEL MATRIMONIO FAI DA TE

Sei sicura di essere in grado di gestire da sola tutti i preparativi delle tue nozze, dalle scelte stilistiche a quelle dei fornitori. Benissimo. Ma presta particolare attenzione ai seguenti errori che sono più frequenti di quanto immagini.

1. NON AFFIDARSI AD UN WEDDING PLANNER: è evidente che questo suggerimento possa sembrare di parte, ma ti assicuro che ci sono tanti errori in agguato che potrebbero compromettere il risultato finale e che un professionista riesce a valutare, prevedere ed evitare!

2. SCARICARE FOTO DA PINTEREST e copiare le singole idee senza seguire una linea stilistica: il matrimonio, lo dico sempre alle mie spose, è come un puzzle e solo se i singoli elementi sono quelli giusti si riuscirà ad ottenere una bella immagine finale

3. Prendere le prime decisioni senza aver precedentemente STABILITO UN BUDGET, e tra queste è compresa la scelta della location.

4. NON CALCOLARE LE SPESE NASCOSTE. Ebbene sì, ci sono alcune voci di spesa a cui spesso non si pensa.

5. Scegliere una location per il ricevimento che sia TROPPO DISTANTE dal luogo di celebrazione del rito. Evitiamo di sottoporre gli ospiti a lunghi ed estenuanti viaggi: lo spostamento non dovrebbe superare la mezz’ora.

6. FIDARSI DEI TUTTOFARE! Il mio motto è: “Ad ognuno il proprio lavoro”!
La specializzazione è garanzia di professionalità e di competenza.
E poi, vi fareste mai curare un dente da un architetto solo perché lo ha visto fare diverse volte?

7. CALCOLARE MALE LE TEMPISTICHE, soprattutto per quanto riguarda eventuali montaggi tecnici, spesso fatti uno o due giorni prima del matrimonio e che richiedono la vostra presenza o quella di una persona di fiducia. Lo stesso accade nel caso di noleggi di attrezzature. Oppure bisogna valutare i tempi degli allestimenti e la necessità di ritirare l’oggettistica che avete portato in location o in chiesa

8. FARE TUTTO DA SOLA. Perché, anche se spesso si perde di vista, la sposa dovrà fare la sposa il giorno del proprio matrimonio e i giorni che precedono le nozze dovrebbero essere dedicati alla cura della propria persona e agli ultimissimi dettagli. Inoltre, avete pensato che potrebbero esserci delle modifiche da fare il giorno stesso del vostro matrimonio? Quindi, incaricate qualcuno di vostra fiducia che vi possa essere di aiuto, anche se sarà costretto a sacrificare parte del divertimento e del significato profondo di quel giorno!

 

Patrizia Monti

4 CONSIGLI PRINCIPALI NELLA SCELTA DELL’ABITO DA SPOSA

4 CONSIGLI PRINCIPALI NELLA SCELTA DELL’ABITO DA SPOSA

E’ finalmente arrivata la tanto attesa proposta di matrimonio. Subito si inizia a fantasticare sull’abito da sposa da sempre sognato e si fissa il primo appuntamento in atelier. Ecco 4 consigli che ti saranno utili nello scegliere l’abito perfetto.

1)      NON PORTARE TROPPE PERSONE INSIEME A TE. La scelta dell’abito giusto non sempre è immediata e mettere d’accordo troppe persone a volte può risultare difficile; tutto questo finirà con il crearti molti più dubbi e confusione.  Basteranno due persone di cui hai piena fiducia!

 

2)      PROVA TUTTI I MODELLI: se è vero che per ogni fisicità c’è il modello giusto che valorizza le proprie forme, è altrettanto vero che, forse, il modello sempre sognato non è il più adatto a noi. E allora perché rimanere con il dubbio? Proviamo il modello principessa tanto desiderato, ma proviamo anche il modello a sirena oppure lo stile impero e così via:  saremo più serene nella scelta e, magari, potremo restare sorprese!

 

3)      SII TE STESSA: è importante sentirsi a proprio agio con l’abito scelto: l’abito da sposa va saputo indossare. Se non si è abituati agli abiti aderenti, forse avremo difficoltà nel muoverci strizzate in un abito a sirena, con il risultato di apparire piuttosto goffe ed impacciate. E di certo non è ciò che desideriamo per in nostro grande giorno!

 

4)      PRENDITI IL TUO TEMPO: Non avere fretta se non sei sicura: fissa un nuovo appuntamento e penditi il tempo necessario per riflettere: dopotutto si tratta di una scelta importante

 

E se la scelta diventa difficile, non scoraggiarti e ricorda: ogni sposa ha il proprio abito!

 

 

 

ULTIME TENDENZE: FLOWER BAR

ULTIME TENDENZE: FLOWER BAR

Cos’è il flower bar?

 

E’ una postazione, ben curata e allestita in accordo con lo stile del matrimonio, in cui vengono predisposti diversi fiori recisi che saranno poi scelti dagli ospiti e portati via dopo il ricevimento.

 

Consigli importanti

 

Il primo consiglio è sicuramente quello di scegliere fiori senza spine.

 

Il secondo consiglio è quello di scegliere fiori di stagione, per evitare di far lievitare troppo i costi. Tenete presente, infatti, che il numero dei fiori da inserire non potrà essere esiguo per non rischiare che tanti ospiti rimangano a mani vuote.

 

Detto questo, si può optare per fiori dalla palette cromatica scelta per gli allestimenti floreali del matrimonio oppure si può deviare completamente. Qualunque siano i colori scelti, però, vi suggerisco di valutare diverse nuances che stiano bene tra loro per evitare un antiestetico effetto finale.

Come inserire un flower bar nel vostro matrimonio

 

I fiori scelti vanno esposti con cura e stile, inseriti in vasi o altri contenitori con acqua e predisposti su espositori scelti preferibilmente in accordo con gli altri allestimenti previsti. Ad esempio, si potrebbe utilizzare un tavolo in legno a vista per un matrimonio dal mood rustico e così via.

Insieme ai fiori, mi piace l’idea di mettere a disposizione degli ospiti delle bottigliette o vasetti o altri contenitori, magari già riempiti con un goccio di acqua, oppure si potrebbe pensare di predisporre nastri, forbici o etichette con il vostro logo, e lasciare così che gli ospiti si divertano a confezionarsi dei mini bouquet. Sarebbe un ulteriore ricordo delle vostre nozze ma potrebbe persino sostituire le bomboniere!

 

Se volete ulteriori consigli, scrivetemi!